La Visita

Dal punto di vista pratico la visita osteopatica ha una durata di circa 45/50 minuti.

Durante la prima visita l’osteopata fa una completa indagine anamnestica riguardante il trascorso clinico del paziente, e con domande mirate cerca di capire tutto quello che può riguardare l’insorgenza o meno del sintomo.

In base a quelle che sono le informazioni raccolte ipotizza quale o quali possono essere stati i fattori perturbanti l’equilibrio o che potenzialmente potranno andare a perturbarlo.

Dopo questa prima parte il paziente viene fatto accomodare sul lettino, ed a quel punto, tramite la valutazione strutturale e funzionale di tutti i vari sistemi corporei e della struttura, l’osteopata va effettivamente a capire se l’idea che si era fatto dopo l’indagine corrisponde, oppure se necessita di un aggiustamento specifico così da rendere più efficace il progetto terapeutico.

Messe insieme queste due parti fondamentali della visita l’osteopata professionista, in accordo con le volontà e le necessità del paziente, procede al trattamento, momento nel quale, con tecniche mirate e precise, va a sciogliere le tensioni e risolvere le disfunzioni individuate, con l’obiettivo di riportare il corpo in una condizione di salute e fisiologia.

Successivamente, in base al risultato ottenuto, organizza insieme al paziente o ai suoi collaboratori, in caso di lavoro in sinergia con altre figure, i trattamenti che seguiranno e la cadenza degli stessi.

“L’universo ha senso solo quando abbiamo qualcuno con cui condividere le nostre emozioni.”
Paulo Coelho